Framing Death La morte in diretta, tra cinema e media digitali

"Perché siamo affascinati dalla rappresentazione della morte? Che cosa ci attrae dei contenuti audiovisivi ritenuti inaccettabili e morbosi? Partendo dalle origini del cinematografo, il volume analizza le strategie promozionali e la ricezione critica di film che in passato sono stati censurati...

Full description

Bibliographic Details
Main Author: Gallio, Nicolò
Format: eBook
Language:Italian
Published: Bononia University Press 2020
Series:Alphabet
Subjects:
Online Access:
Collection: Directory of Open Access Books - Collection details see MPG.ReNa
LEADER 02471nma a2200265 u 4500
001 EB002039003
003 EBX01000000000000001182669
005 00000000000000.0
007 cr|||||||||||||||||||||
008 220822 ||| ita
020 |a 9788869235702 
020 |a alph02 
100 1 |a Gallio, Nicolò 
245 0 0 |a Framing Death  |h Elektronische Ressource  |b La morte in diretta, tra cinema e media digitali 
260 |b Bononia University Press  |c 2020 
653 |a Film history, theory or criticism / bicssc 
041 0 7 |a ita  |2 ISO 639-2 
989 |b DOAB  |a Directory of Open Access Books 
490 0 |a Alphabet 
500 |a Creative Commons (cc), https://creativecommons.org/licenses/by-nc-sa/4.0/ 
024 8 |a 10.30682/alph02 
856 4 2 |u https://directory.doabooks.org/handle/20.500.12854/69712  |z DOAB: description of the publication 
856 4 0 |u https://buponline.com/prodotto/framing-death/  |7 0  |x Verlag  |3 Volltext 
082 0 |a 900 
520 |a "Perché siamo affascinati dalla rappresentazione della morte? Che cosa ci attrae dei contenuti audiovisivi ritenuti inaccettabili e morbosi? Partendo dalle origini del cinematografo, il volume analizza le strategie promozionali e la ricezione critica di film che in passato sono stati censurati e al tempo stesso avidamente collezionati, oggetti proibiti che sono ormai considerati prodotti di culto presso specifiche nicchie di pubblico. Uno studio che si intreccia con l'impatto che la tecnologia ha avuto sulla diffusione delle immagini di morte: dal filmato Zapruder alla nascita degli shock sites, dal fenomeno del War Porn ai killer che utilizzano ingegnosamente i social media. Dai cosiddetti snuff movies e shockumentaries a certe manifestazioni dell'arte contemporanea, dalla "necrocultura" al terrorismo, quello proposto è un percorso all'interno del caos della morte dall'era analogica a quella digitale. Nicolò Gallio è Dottore di ricerca in Studi teatrali e cinematografici e si interessa in particolare della relazione tra prodotti audiovisivi e media digitali. Ha tenuto corsi e seminari presso l'Università di Bologna, University of Brighton, Middlesex University e Birmingham City University. Ha scritto articoli e saggi pubblicati su libri e riviste italiane e internazionali, ed è co-autore de Lo spettacolo del cibo. I cooking show nella televisione italiana. È consulente di marketing e comunicazione per agenzie creative, festival e programmi di sviluppo di film indipendenti."